CREG – Sperimentazione sui pazienti cronici

Di cosa si tratta

Dal 2015 al 2017 IML ha partecipato attivamente al progetto CReG (Chronic Related Group) che si basa su una modalità di classificazione degli assistiti in funzione della cronicità e, dal punto di vista operativo, su una modalità di presa in carico dei pazienti che non si basa su dei PDTA (piani diagnostico terapeutico assistenziali) ma sulla presa in carico omnicomprensiva. Questa esperienza pone le radici nel 2005 quando presso alcune ASL è nata l’esperienza della BDA (banca dati assistito) che ha permesso, nel pieno rispetto della privacy, la riconduzione ad ogni assistito di tutti i fenomeni sanitari partendo da alcuni “traccianti” di consumo di farmaci, di specialistica ambulatoriale, di ricovero e cura e/o dell’esenzione per patologia, che hanno permesso di classificare i pazienti attribuendoli ad una patologia od associazione di patologie prevalenti.
Mentre quindi il PDTA infatti definisce il percorso di cura per una patologia in condizioni “ideali” il CReG “fotografa” l’assistito nella sua condizione reale di bisogno con l’obiettivo di farsene carico nel modo più esaustivo possibile.

Il modello CReG

Nel modello CReG, grazie alla disponibilità per tutti gli assistiti dei principali eventi/consumi sanitari, sono individuate le EPA (elenco prestazioni attese) che rappresentano per i pazienti classificati nei diversi CReG le prestazioni più probabili.
Avendo un elenco di EPA siamo in grado di prevedere le attività di cui  il paziente potrebbe probabilisticamente aver bisogno (compresi gli screening, la vaccinazione antiinfluenzale e la rimozione del cristallino per cataratta, ad esempio) e di organizzare un modello che lo supporti attivamente, lo accompagni e lo incentivi per ottenere da lui la maggiore compliance con le cure di cui ha bisogno.
Infatti, tenendo come riferimento le EPA (elenco prestazioni attese) e partendo dalla storia individuale del paziente relativa all’ultimo anno, per ogni paziente arruolato è definito dal Medico di medicina Generale un PAI (piano di assistenza individuale).